Cultura e coltura di terre di libertà


REGGIO EMILIA, 5 NOV. 2010 – Il Comune di Reggio Emilia ha deciso di sensibilizzare i suoi cittadini ai temi delle regole e della lotta alla criminalità organizzata. Lo fa da sabato 6 a domenica 21 novembre grazie all’Assessorato alla Coesione e Sicurezza sociale, che in collaborazione con l’Assessorato Cultura e Università e il contributo della Regione Emilia-Romagna, promuove una serie di iniziative che coinvolgeranno la città e in particolare i giovani delle scuole, alle quali parteciperanno protagonisti e associazioni tra le più impegnate nella lotta contro la mafia e la ‘ndrangheta.Il titolo delll’iniziativa che si svolgerà a Reggio Emilia è “Terre di libertà”, lo stesso – a sottolineare la coincidenza di contenuti – della mostra fotografica che sarà inaugurata domani, alle 18.30, nello Spazio Gerra di piazza XXV Aprile, alla quale parteciperanno l’assessore alla Coesione e Sicurezza sociale del Comune Franco Corradini, il presidente del Consiglio provinciale Gianluca Chierici e il presidente della Camera di commercio reggiana Enrico Bini. Il programma di “Terre di libertà” si svilupperà nei giorni seguenti nello Spazio Gerra e nella Gabella di via Roma e proporrà incontri, spettacoli, proiezioni e momenti didattici realizzati, come la mostra, con la collaborazione dell’Amministrazione provinciale e il contributo organizzativo e di idee delle associazioni reggiane impegnate su questo tema: coordinamento provinciale di Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, Colore – Cittadini contro le mafie, La gabella, consorzio Oscar Romero, Coordinamento giovani di Reggio Emilia contro le mafie. “In un contesto nazionale in cui è forte lo smarrimento dei cittadini, questa manifestazione vuole promuovere legalità, senso civico, coesione e sviluppo della democrazia – dice l’assessore comunale alla Coesione e Sicurezza sociale Franco Corradini -. Le iniziative che proporremo nelle prossime settimane sono il frutto di una mobilitazione presente e visibile in città. La preziosa attività di molti reggiani e delle loro associazioni consente di rafforzare l’azione di contrasto alle infiltrazioni mafiose nella nostra realtà nella quale sono impegnate le istituzioni; un’azione che ha tra l’altro  consentito di sottoscrivere un protocollo per la trasparenza degli appalti pubblici”.L’evento di apertura è la mostra “Terre di libertà – I volti e i luoghi del riscatto civile dalle mafie”, che sarà inaugurata nello Spazio Gerra sabato 6 novembre, alle ore 18.30, e sarà aperta al pubblico fino al 21 novembre. L’esposizione, in calendario in diverse città italiane, è promossa dal ‘Forum sicurezza urbana’ (Fisu) e realizzata da ‘Libera’ e associazione ‘Terzo tropico’ per valorizzare l’attività delle cooperative che operano nei terreni confiscati alle mafie. Le foto sono di Roberto Brandoli, Alessandro Zanini e Ivano Adversi, il quale ha spiegato che la mostra vuole rappresentare e far conoscere il lavoro di tanti giovani e persone grazie alle quali le terre che furono dei Provenzano, Brusca, Mammoliti e di altre organizzazioni criminali tornano ad essere patrimonio della comunità e della legalità, consentendo di realizzare produzioni di qualità esportate nel mondo. Tra i numerosi appuntamenti previsti da Terre di libertà, di particolare rilievo quello in programma giovedì 18 novembre (ore 17, Spazio Gerra), quando sarà a Reggio Emilia Bruno Frattasi, commissario ai Grandi appalti del Ministero dell’Interno e già prefetto di Latina (noto, tra l’altro, per aver proposto lo scioglimento del Consiglio comunale di Fondi), che dialogherà con il professor Enzo Ciconte e l’assessore Franco Corradini riguardo al problema delle infiltrazioni mafiose nell’economia.Lo stesso tema, declinato in chiave emiliana, sarà al centro dell’incontro che il 4 novembre farà da preludio alla mostra e alle altre iniziative. Sara Di Antonio presenterà infatti il romanzo del quale è autrice “La mafia in Emilia” (giovedì 4 novembre, ore 21, La gabella) e parteciperà successivamente (venerdì 12 novembre, ore 18.30, Spazio Gerra) a un incontro con il giornalista Giovanni Tizian. Tra gli appuntamenti rivolti in particolare ai giovani, da segnalare giovedì 11 la presentazione del percorso di educazione alla legalità (ore 10.30) e, venerdì 12 (ore 17.30), la presentazione dei campi di lavoro estivi che l’associazione ‘Libera’ organizza ogni anno in diverse regioni. Entrambi gli incontri si svolgeranno nello Spazio Gerra.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet