Crisi: vertice a Confindustria Rimini sul credito alle imprese


in collaborazione con Teleromagna10 FEB. 2009 – L’imprenditoria riminese cerca di reagire alla crisi. In questa direzione Incontro a Confindustria Rimini per fare il punto sulla situazione del credito nell’area, in cui sono intervenuti i rappresentanti dell’imprenditoria, delle banche e delle istituzioni, il presidente della Provincia Ferdinando Fabbri, il sindaco di Rimini Alberto Ravaioli, e il Presidente della Camera di Commercio Manlio Maggioli. Il presidente di Confindustria Rimini Maurizio Focchi, nel ricordare agli intervenuti come le aziende riminesi siano sane e quindi in grado di affrontare momenti particolarmente difficili, ha rinnovato la richiesta del mondo dell’imprenditoria affinché le istituzioni e le banche ciascuno per la propria parte continuino a sostenere le imprese. Confindustria ha inoltre reso noti i dati dell’ultima indagine flash prendendo in esame un campione di 72 aziende (per un totale di 6.852 dipendenti) associate. Per quanto riguarda la situazione attuale 42 aziende (il 58%) hanno dichiarato una diminuzione della produzione, 44 (61%) una diminuzione degli ordini interni e 29 (40%) una diminuzione degli ordini esteri. Sulle previsioni 34 aziende (47%) hanno dichiarato in diminuzione la produzione, 38 (52%) in diminuzione gli ordini interni e 22 (30%) in diminuzione gli ordini esteri. L’occupazione è stazionaria per 47 imprese (65%), gli investimenti sono stazionari per 29 aziende (40%) e in diminuzione per 28 (38%). Alla domanda "nel complesso si ritiene che sia in atto un razionamento del credito?" il 78% del campione ha risposto sì.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet