Crisi, il Sindaco di Ravenna lancia l’allarme


Dal 2008 al 2013 in provincia di Ravenna sono andati persi quasi 4.700 posti di lavoro e il tasso di disoccupazione è passato dal 6,9% del 2012 al 9,9% del 2013. Lo segnala oggi il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci (Pd), chiedendo di inserire al primo posto nell’agenda del Governo Renzi i temi del “lavoro” e della “giustizia retributiva”. Postando un messaggio sull’1 maggio via Facebook, Matteucci osserva che “diversi economisti dicono che incominciano a vedersi timidi segnali di ripresa. Vedremo. Certo questi segnali ancora non si intravedono per quanto riguarda l’occupazione. Anche a Ravenna”. Sostenendo che “vanno approvate adesso le misure del Governo Renzi in discussione in Parlamento”, il sindaco promette che “il Comune farà la sua parte con le politiche locali di sburocratizzazione e di attenzione a tutti i comparti dell’economia che possono assicurare e creare lavoro: penso al porto e ai fondali; penso alla chimica e all’energia. Ma penso anche al turismo e ai settori più innovativi della nuova economia”. Intanto, conclude Matteucci, “è stata molto giusta la decisione del Governo del bonus di 80 euro al mese per 10 milioni di lavoratori italiani: anche il Comune di Ravenna ha avviato una riduzione dell’addizionale Irpef, che completeremo nel biennio 2015-2016”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet