Crisi, per le PMIè ancora buio fitto


BOLOGNA, 14 MAG. 2012 – I consumi continuano a calare, l’economia è ferma e non c’è liquidità per provare a investire. E’ ancora fortemente negativa la congiuntura di fine 2011 registrata da TrendER, l’Osservatorio congiunturale della micro e piccola impresa realizzato da CNA e BCC dell’Emilia Romagna con la collaborazione di Istat. Dai dati presentati oggi a Bologna, nella Torre Cna di viale Aldo Moro, emerge come negli ultimi sei mesi dello scorso anno nelle realtà produttive della nostra regione siano calati ordinativi, commesse e fatturato, e come il lavoro diventi sempre più a rischio. Tanto più che le previsioni per il prossimo futuro sono tutte di segno negativo. Sembra quindi che nemmeno il Governo Monti sia riuscito a migliorare la situazione.Come d’abitudine, assieme a Trender vengono illustrati i risultati del sondaggio effettuato dall’Istituto Freni di Firenze su un campione regionale di imprese associate a CNA, che rivela un forte senso di disagio degli imprenditori. Due su 3 non vedono vie di uscita nel breve periodo, anzi credono che il peggio debba ancora arrivare. E lanciano un grido di allarme: Così non si può andare avanti. Ne parla Gabriele Morelli, segretario di Cna Emilia-Romagna:

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet