Crisi dell’auto,chiusa la Sarcia


© TelereggioREGGIO EMILIA, 8 MAR. 2012 – Ha cessato ogni attività la Sarcia di via Kennedy, a Reggio, che si occupava di vendita e noleggio di veicoli nuovi e usati, già concessionaria dei marchi Fiat, Lancia e Iveco. La crisi del mercato dell’auto l’ha portata allo stato di insolvenza, dopo un lungo periodo di difficoltà, I titolari, Andrea Soliani e il fratello Sergio, hanno chiesto al Tribunale di Reggio l’ammissione al concordato preventivo con liquidazione. Il 24 febbraio scorso il Tribunale ha dichiarato aperta la procedura e ha convocato i creditori per il 7 maggio prossimo. E’ quasi certo il loro sì al concordato, visto che la previsione è di un rimborso del loro credito al 73%, una percentuale molto più elevata rispetto ad altre situazioni analoghe.Gli oltre 80 dipendenti della Sarcia, sia quelli del settore commerciale che quelli dell’officina, sono in cassa integrazione in deroga già dal dicembre scorso. Il 16 marzo prossimo in Provincia si incontreranno il commissario giudiziale nominato dal tribunale, Alberto Peroni, i rappresentanti dell’azienda e i sindacati. Si darà avvio della richiesta di cassa integrazione speciale e alle procedure di mobilità per quella parte di dipendenti che già hanno la prospettiva di un altro impiego.Finisce così una storia imprenditoriale durata quasi un secolo. Era iniziata nel 1919 col nonno degli attuali titolari, che aprì a Reggio la prima officina di assistenza Fiat nella nostra città. Era il periodo pionieristico della motorizzazione automobilistica. La ditta era poi cresciuta negli anni, fino ad arrivare a un fatturato di 100 milioni di euro. La crisi economica iniziata nel 2009 le è stata fatale. Nel settembre scorso la mazzata definitiva, con la revoca del mandato da parte della Fiat. Ora tutti i beni saranno ceduti ai creditori, dai veicoli ancora in giacenza al complesso di immobili posti fra via Kennedy, via via Soglia e via Bodoni, valutati attorno agli 8 milioni di euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet