Crif: crolla la richiesta di credito delle imprese


A livello nazionale, il numero di interrogazioni relative a richieste di valutazione e rivalutazione dei crediti presentate dalle imprese italiane, nell’aggregato di Imprese individuali e Società di capitali, nel III trimestre del 2016 ha fatto registrare un incremento del +4,9% rispetto allo stesso trimestre 2015. A livello di III trimestre, il numero di interrogazioni da parte degli istituti di credito è il più alto in assoluto dal 2008 ad oggi, ovvero da quando CRIF ha iniziato a monitorare in modo sistematico e strutturato questo indicatore. In controtendenza rispetto alla crescita registrata a livello nazionale, le imprese dell’Emilia-Romagna hanno fatto segnare una flessione del numero di interrogazioni relative a richieste di valutazione e rivalutazione dei crediti, pari a -6,4%. Per quanto riguarda l’importo medio, invece, con 79.996 Euro richiesti la regione si posiziona leggermente al di sotto della media nazionale. Nello specifico, è stata la provincia di Parma ad aver fatto segnare il valore più consistente, pari a 107.724 Euro, che la colloca al 7° posto assoluto della graduatoria nazionale. Consistente il valore medio richiesto anche dalle imprese ravennati, pari a 94.078 Euro, mentre Bologna si colloca al di sopra della media nazionale, con 83.354 Euro.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet