Crescono i turisti sotto le Due Torri


BOLOGNA, 11 SET. 2013 – Dopo le speranze, arrivano le conferme. Bologna quest’estate ha effettivamente visto un netto aumento di turisti. Lo dicono i dati della Provincia che per il trimestre maggio-luglio vedono un aumento di presenze del 18,63% in città, +10,12% considerando l’arco gennaio-luglio. Segni positivi destinati a crescere, visto l’agosto definito positivo dagli addetti ai lavori. Giugno, spiega l’osservatorio di palazzo Malvezzi, è stato il mese con maggiori arrivi e presenze a Bologna città e nella provincia nel suo complesso, mentre per Imola il mese migliore è stato maggio. Anche Imola, comunque, ha registrato segni più generalizzati: +17,9% in maggio-luglio, +8,9% in gennaio-luglio. In dati assoluti, dall’1 gennaio al 31 luglio sono arrivati complessivamente 941.796 turisti, di cui 601.865 a Bologna, 70.746 nel Circondario Imolese, 45.448 a Imola, 223.737 nel resto del territorio. Le presenze sono state pari a 1.915.647, di cui 1.225.859 a Bologna, 153.193 nel Circondario Imolese, 96.868 a Imola, 439.727 nel resto del territorio. La permanenza media è di 2 giorni. Rispetto al totale degli arrivi e delle presenze provinciali, Bologna pesa per il 64% circa, Imola per il 5% circa sia degli arrivi che delle presenze, il Circondario Imolese per il 7,5% degli arrivi e per l’8% delle presenze, il resto della provincia per il 24% e il 23%. A trainare la ripresa, come previsto, sono gli stranieri, che rappresentano complessivamente il 42% degli arrivi totali nel territorio e il 48% delle presenze (rispettivamente circa il 5% e il 10% in più dell’anno scorso), con punte decisamente superiori nei mesi estivi, quando gli italiani scelgono prevalentemente altre destinazioni. A livello provinciale le prime tre nazioni per provenienza di turisti sono Germania, Francia e Regno Unito, mentre per Bologna al primo posto ci sono gli Stati Uniti seguiti da Regno Unito e Germania. Il 90% circa dei turisti stranieri alloggia in strutture alberghiere, percentuale che si attesta all’85% per gli italiani e che si dimostra costante sia a livello provinciale che del solo capoluogo. In particolare, sono gli hotel a 4 stelle a conquistare la maggioranza relativa sia degli stranieri che degli italiani.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet