Crescono i birrifici artigianali


Crescono in Emilia Romagna i birrifici artigianali: alla fine del 2017 erano 112, 13 in più dell’anno precedente quando i produttori artigianali di birra erano 99 e più del triplo rispetto a cinque anni fa quando erano solo una trentina. Lo rende noto Coldiretti Emilia Romagna in occasione del secondo corso regionale per Agrichef promosso da Terranostra, l’associazione agrituristica di Coldiretti, e da Campagna Amica per formare gli agrichef che negli agriturismi valorizzino sempre più le eccellenze del territorio.

Nell’ambito del corso, che si svolgerà dal 19 al 22 marzo prossimi, presso l’agriturismo Casa Nuova di Niviano di Rivergaro in provincia di Piacenza, ci sarà un “focus” dedicato alle birre artigianali, in particolare alle agribirre, caratterizzate da un legame diretto con le aziende agricole.

Oltre a contribuire all’economia, la birra artigianale rappresenta anche – sottolinea Coldiretti Emilia Romagna – una spinta all’occupazione soprattutto tra gli under 35. In Emilia Romagna – informa Coldiretti sulla base dei dati dell’osservatorio regionale del Commercio – la birra viene consumata soprattutto a cena ed è preferita dal 33,4 per cento dei consumatori, subito dopo vino (40%), ma prima di quelli che bevono bevande analcoliche (13,2%) o solo acqua (10,1%). A pranzo invece solo il 21,8% beve birra, il 41,4% beve vino, il 17,4% bevande analcoliche e il 17,2% solo acqua.

Di pari passo con il diffondersi di piccoli birrifici, stanno nascendo anche nuove figure professionali – rileva Coldiretti Emilia Romagna – come il “sommelier delle birra” che conosce i fondamentali storici dei vari stili di birre ed è capace di leggerne i caratteri principali di stile, gusto, composizione, colore, corpo, sentori a naso e palato e individuarne gli eventuali difetti, oltre a suggerire gli abbinamenti ideali delle diverse tipologie di birra con primi piatti, carne o pesce e anche con i dolci.

Il secondo corso di agrichef – informa Coldiretti Emilia Romagna – avrà come docenti l’agrichef Diego Scaramuzza, presidente nazionale di Terranostra, gli chef Daniele Persegani e Alessandro Polver, il responsabile della Sicurezza Alimentare di Coldiretti Emilia Romagna, Dennis Calanca, il capo area Comunicazione e Relazioni esterne di Coldiretti nazionale, Paolo Falcioni, il segretario nazionale di Terranostra, Toni De Amicis.

Oltre al focus sulla birra, i temi del corso – sottolinea Coldiretti Emilia Romagna – vanno dalle tecnologie e tecniche di cottura all’ottimizzazione dei tempi di preparazione, dall’impiattamento all’abbinamento di vini e piatti, fino al pricing dei piatti e dei menu. Il tutto con l’attenzione ai menù tipici della tradizione locale e contadina e ai prodotti del territorio a km 0.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet