Crescita ferma, le preoccupazioni di Confindustria


Dopo tre anni di espansione, nel terzo trimestre 2018 la crescita italiana si è fermata. Lo dicono le stime preliminari sul Prodotto Interno Lordo diffuse dall’Istat secondo le quali il tasso di crescita sullo stesso periodo del 2017 è in rallentamento allo 0.8%. La dinamica stagnante non stupisce Confindustria nazionale che l’ha definita prevedibile, come ha sottolineato il Presidente degli Industriali Vincenzo Boccia che ha puntato il dito contro il governo. “Se i risultati della crescita non ci saranno nei prossimi mesi, è colpa esclusiva di questo governo e della politica economica che realizza, non di altri” ha affermato Boccia. Dati che preoccupano i mercati. Proprio sulla mancanza di fiducia accende i riflettori il presidente di Confindustria Emilia Area Centro, Alberto Vacchi.
L’Emilia Romagna in questi anni ha messo a segno una crescita maggiore di quella registrata a livello nazionale sul fronte del Pil, un trend che dovrebbe tenere secondo Vacchi che non nasconde però le preoccupazioni sul lungo periodo

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet