Cresce la raccolta di castagne


Dopo il minimo storico toccato l’anno scorso, al via in Emilia-Romagna la raccolta di castagne e marroni. E raddoppia, spiega una nota di Coldiretti regionale, la produzione rispetto all’anno scorso causato soprattutto della siccità. La raccolta si presenta di buona quantità e di ottima qualità, con frutti generalmente di grossa pezzatura. Con i suoi 2.822 ettari di castagneto – ricorda l’associazione – l’Emilia-Romagna è la sesta regione in Italia per estensione dei castagneti, il 35% dei quali in provincia di Bologna dove si raccolgono il Marrone Igp di Castel Del Rio e il Marrone Biondo dell’Appennino bolognese. Dopo essersi rialzata con successo dall’attacco del Cinipide galligeno del castagno, insetto killer proveniente dalla Cina che aveva colpito i castagneti su tutto il territorio regionale, sconfitta con un intervento biologico, la castanicoltura dell’Emilia-Romagna ha ripreso quota, ridando prospettive alle oltre 1.500 aziende che producono quasi 10 mila quintali di castagne e marroni.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet