Cresce la domanda di mutui delle famiglie


Italia, nel primo semestre 2015, la domanda di mutui ha fatto registrare una significativa crescita, pari a +58,7% rispetto al primo semestre 2014, seppur accompagnata da un calo dell’importo medio richiesto. Anche per quanto riguarda i prestiti la prima metà dell’anno in corso ha confermato l’incremento del numero di richieste (+8,4%) dopo una lunga fase di debolezza, fondamentalmente sulla spinta dei prestiti finalizzati. Lo rileva il Baromento Crif della domanda di credito da parte delle famiglie. In Emilia-Romagna il numero di domande di mutuo inoltrate dalle famiglie agli istituti di credito nel primo semestre 2015 ha visto una crescita del +53,9%, seppure ad un ritmo inferiore rispetto alla media nazionale (che ha fatto segnare un +58,7%). La provincia che ha fatto segnare l’incremento più sostenuto in regione è stata Ravenna, con un eloquente +90,5%, seguita a distanza da Piacenza e Forlì-Cesena, rispettivamente con +69,4% e +65,1%. Bologna invece ha fatto registrare un aumento pari a +61,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Anche per quanto riguarda l’importo medio richiesto, la prima metà dell’anno in corso ha fatto segnare in Emilia-Romagna un incremento consistente, in controtendenza rispetto alla contrazione registrata a livello nazionale (-1,2%), che ha portato il valore richiesto ad attestarsi a 124.259 euro. Relativamente agli importi medi richiesti, è invece la provincia di Rimini a guidare la classifica regionale, con 135.369 euro, seguita a breve distanza da Bologna, con 133.671 euro. Il valore medio più contenuto, al contrario, è stato quello rilevato nella provincia di Ferrara, con 108.673 euro. Per quanto riguarda il numero di richieste di prestiti finalizzati all’acquisto di beni/servizi (quali auto e moto, arredo, elettronica ed elettrodomestici, ma anche viaggi, spese mediche, palestre ecc.), l’Emilia-Romagna ha fatto segnare una crescita nel primo semestre 2015 pari al +21,1%, superiore alla variazione rilevata a livello nazionale (+11,4%). Modena guida il ranking regionale con una crescita del +29,6%, seguita da Reggio Emilia (+26,5%). Bologna e Rimini sono, al contrario, le province che hanno fatto segnare la crescita più contenuta in regione, rispettivamente +16,7% e +15,5%. In termini di importo richiesto, la media per i prestiti finalizzati richiesti in regione è stata pari a 5.535 euro, con tutte le province che hanno fatto registrare una crescita significativa rispetto al precedente periodo di osservazione. Ferrara è stata la provincia ad aver fatto rilevare il valore più consistente, con 6.040 euro, mentre a Bologna si è fermato a 5.398 euro. Anche per la forma tecnica dei prestiti personali, nel primo semestre 2015 l’Emilia-Romagna ha fatto registrare un incremento nel numero di richieste rilevate, pari al +7,7%. In Regione, Rimini è risultata la provincia con la crescita più elevata, +14,4% rispetto ai primi sei mesi 2014, seguita a breve distanza da Piacenza (+13,9%) e Parma (+12,7%). In ultima posizione Ferrara, con un aumento del +3,1%. Infine, per quanto riguarda l’importo medio richiesto, con 11.426 euro Bologna si è posizionata al primo posto in Emilia-Romagna, valore superiore alla media sia regionale che nazionale. All’estremo opposto Piacenza con 10.066 euro, nonostante una crescita consistente rispetto al pari periodo dello scorso anno.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet