Cremonini ancora più forte in Russia, grazie a Sberbank


MODENA, 30 LUG. 2012 – Cremonini si lancia nella sua campagna di Russia. Il gigante delle Carni con sede a Castelvetro di Modena ha infatti firmato assieme alla banca russa Sberbank un accordo di cooperazione strategica della durata di cinque anni. A porre le firme, a Mosca, c’erano l’amministratore delegato del gruppo, Vincenzo Cremonini, e il vicepresidente di Sberbank Maxim Poletaev.L’accordo è finalizzato a sostenere nei prossimi anni lo sviluppo in Russia delle attività del gruppo italiano leader in Europa nel settore delle carni, della distribuzione alimentare e della ristorazione in concessione e commerciale con i brand Inalca, Marr e Chef Express. Per Sberbank si tratta del primo accordo strategico di collaborazione con un partner industriale straniero nel settore alimentare, a cui concede anche un primo finanziamento di 1,5 miliardi di rubli (38 milioni di euro).Attualmente Cremonini sta costruendo un macello dotato della più moderna tecnologia a Orenburg, ai confini del Kazakistan. "Questo accordo strategico con Sberbank è importante – commenta Vincenzo Cremonini – La banca è punto di riferimento imprescindibile per lo sviluppo dell’attività in Russia, uno dei mercati più promettenti in termini di crescita per la nostra attività. Ci è stato riconosciuto il coraggio di crescere con investimenti e con una continua innovazione tecnologica in un settore oggi considerato strategico in Russia".Il Gruppo Cremonini è presente in Russia dal 1985 dove ha investito direttamente oltre 110 milioni di euro. Nel 2012 il Gruppo ha registrato nel mercato russo un fatturato di oltre 190 milioni (+33% rispetto al 2010) con un’Ebitda di circa 16 milioni (+43% sul 2010). Quest’anno conta di superare i 250 milioni di fatturato, con Ebitda in crescita. La doppia sfida che Cremonini affronta in Russia è l’apertura di nuove piattaforme di distribuzione alimentare per servire in maniera capillare le varie regioni di questo grande paese, e l’integrazione a monte nel business della carne, oggi importata per oltre il 50% della produzione.COS’E’ SBERBANKE’ uno dei colossi del credito mondiale, con una capitalizzazione di mercato superiore ai 60 miliardi di euro. Controllato dal governo russo, che detiene il 64% del capitale, con oltre 20.000 filiali, è il principale istituto di raccolta dei risparmi del paese e uno dei finanziatori chiave dell’economia con circa il 48% dei depositi retail e circa il 31% dei prestiti a privati e imprese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet