Credito alle imprese, domande ancora in crescita


Nel III trimestre del 2015 il numero di domande di credito presentate dalle imprese italiane agli operatori bancari ha fatto nuovamente registrare un segno positivo, con un +6,8% rispetto allo stesso periodo del 2014. L’ultima rilevazione condotta da CRIF certifica, così, il consolidamento della dinamica positiva in scia al trimestre precedente dopo la contrazione dei primi 3 mesi dell’anno, che si erano caratterizzati per una improvvisa frenata. In termini aggregati, nei primi 9 mesi dell’anno in corso la variazione complessiva è stata pari a +3,2% rispetto lo stesso periodo del 2014, che a sua volta aveva visto un incremento della domanda addirittura a doppia cifra rispetto all’anno precedente. Queste evidenze emergono dall’ultimo aggiornamento del Barometro CRIF sulla domanda di credito da parte delle imprese, elaborato sulla base del patrimonio informativo di EURISC – il Sistema di Informazioni Creditizie di CRIF che raccoglie i dati relativi a oltre 77 milioni di posizioni creditizie di cui più di 8 milioni attribuite a utenti business. Nello specifico si tratta di domande formali, quindi vere e proprie istruttorie di credito presentate agli istituti, non semplici richieste di informazioni o preventivi. Entrando maggiormente nel dettaglio, in Emilia-Romagna la domanda di credito inoltrata dalle imprese agli istituti di credito nei primi 9 mesi del 2015 ha visto una crescita del +2,9%, seppure a un ritmo lievemente inferiore rispetto alla media nazionale (+3,2%). Piacenza è risultata la provincia con l’incremento più sostenuto in regione, con un +8,7% rispetto al corrispondente periodo 2014, seguita da Parma (+6,2%). Bologna, invece, ha fatto registrare un aumento pari a +5,6%. All’estremo opposto del ranking, Rimini è stata la provincia che ha fatto registrare la flessione più marcata in regione, con un calo del -4,9%, seguita da Reggio Emilia (-2,1%).

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet