Credem apre al pubblico la propria pinacoteca


REGGIO EMILIA, 28 SET. 2011 – La sede di una banca per un giorno trasformata in museo. Compie dieci anni "Invito a Palazzo", l’iniziativa dell’Associazione Bancaria Italiana che permette di visitare gratuitamente il patrimonio artistico degli istituti di credito. Il palazzo Spalletti Trivelli di via Emilia San Pietro 4, sede della banca Credem, rimarrà aperto sabato 1 ottobre dalle ore 9 alle ore 19. I visitatori saranno organizzati in gruppi di circa 30 persone, e potranno apprezzare la storia e le molte opere artistiche contenute nel palazzo grazie al commento artistico a cura di Franco Bonvicini, Antonio Brighi, Aurora Marzi,  Filippo Silvestro e Alessandra Tellurio.  Per gli amanti dell’arte antica sarà di particolare interesse vedere, per la prima volta, i tre dipinti di “vedute” del settecento.  Si tratta di due preziose opere su tela di Francesco Albotto (Venezia 1721 –  1757), “Il ponte di Rialto da sud”, e “Isola di S. Giorgio”; questi  dipinti dedicati  alle più belle vedute di Venezia erano  particolarmente ricercati  sin dal XVII secolo, dalla ricca  nobiltà italiana e straniera che  faceva di Venezia uno dei massimi poli  culturali del Tour d’Italie.Questi dipinti costituiscono tuttora uno dei soggetti più  ricercati nell’ambito del collezionismo internazionale. Va sottolineato che  Francesco Albotto era l’allievo ed il continuatore della “bottega da quadri” di Michele  Marieschi, uno dei massimi esponenti della pittura di vedute veneziane del settecento. Il terzo dipinto rappresenta una deliziosa “Veduta di Napoli con la  riviera di Chiaia”  opera del pittore  Tommaso  Ruiz, attivo nella città partenopea a  metà settecento. Inoltre all’interno della manifestazione, continua per il sesto anno consecutivo, l’evento denominato “L’Amor sacro e l’Amor Profano – Pittura, Musica e Poesia dal XVI al XIX secolo“, permetterà al pubblico di ammirare le opere di pittura della collezione di arte emiliana antica, tra l’esecuzione di celebri arie dei grandi musicisti: Albinoni, Haendel, Mozart, Rossini, Chopin, Verdi, Puccini, Beethoven, Vivaldi, che saranno eseguite al pianoforte dalla pianista Maria Cristina Debbi, nell’antico Salone delle Feste (attuale sala del Consiglio di Amministrazione). L’attrice Rina Mareggini leggerà brani d’amore di grandi poeti italiani: Boiardo, Ariosto, Tasso.   L’invisibile nastro dell’Amore Sacro e Profano, legherà la pittura, alla poesia ed alla musica, trasportando i presenti in una dimensione di grande piacevolezza.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet