Cpl si rimette in moto


La Cpl si rimette in moto: sono oltre mille i cantieri pubblici in tutta Italia che con la fine dell’interditiva riprenderanno il via. La riammissione alla white list, con un mese di anticipo rispetto alla scadenza naturale, apre ora nuovi scenari per i circa 1.800 lavoratori del gruppo che era stato costretto a ricorrere agli ammortizzatori sociali per far fronte al drastico calo dei ricavi. Dall’11 ottobre è salito a 644 il numero di addetti in cassa integrazione straordinaria, un numero però che ora potrebbe calare man mano che riprenderanno i cantieri. Mentre del futuro ruolo dei commissari all’interno dell’azienda, che potrebbe continuare a collaborare, deciderà comunque il prefetto nei prossimi giorni, la riammissione alla white list avrà intanto effetti sull’ormai imminente nuovo piano industriale. L’obiettivo resta raggiungere il pareggio nel 2016 e tornare all’utile nel 2017.

 

«Sono molto soddisfatto: viene premiato il lavoro di tante persone che, ognuna nel proprio ruolo di responsabilità, ha fatto sì che questo risultato venisse raggiunto. Ora la cooperativa può riprendere a pieno le proprie attività»: il presidente di Legacoop Emilia-Romagna, Giovanni Monti, commenta così la riammissione della CPL Concordia nella White List.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet