Cpl, ricorso al Tar contro contratti già rescissi


CPL CONCORDIA ricorrerà al TAR contro i committenti pubblici che hanno già risolto i contratti in essere prima della conclusione del procedimento che il Prefetto di Modena ha avviato per l’applicazione delle misure di straordinaria gestione e monitoraggio previste dall’art. 32 comma 10 del Decreto legge 90 del 2014. Come infatti riportato dalle linee guida ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione) – Ministero dell’Interno del 27 gennaio scorso, le stazioni appaltanti potranno decidere riguardo alla sorte del contratto solo a seguito del provvedimento del Prefetto in ordine alle sopracitate misure. Vista la decisione di alcuni enti, fra i quali il Gruppo Hera e la Regione Emilia Romagna, di recedere dai contratti senza attendere la conclusione del procedimento demandato al Prefetto di Modena, CPL CONCORDIA ricorrerà al TAR per richiedere di ripristinare l’efficacia dei contratti illegittimamente risolti e per ottenere il risarcimento dei danni subiti. CPL intende adottare la stessa linea di condotta nei confronti di tutti i committenti che non si attenessero alle disposizioni ANAC-Ministero dell’Interno.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet