Cpl, assemblea dei soci chiede i danni


L’Assemblea Generale di CPL CONCORDIA, alla presenza di oltre 560 soci lavoratori e sovventori radunati a Concordia o collegati in videoconferenza dalle sedi esterne di CPL. Nel suo intervento il Presidente di CPL Mauro Gori ha ricordato la decisione del Consiglio di Amministrazione di convocare l’assemblea dei soci per deliberare in merito all’azione di responsabilità verso gli amministratori ex art. 2393 del Codice Civile, “una decisione che i soci sono chiamati ad assumere nel percorso di discontinuità che i consigli di Amministrazione del 2015 hanno portato avanti con determinazione e coerenza nella direzione di un completo rinnovamento organizzativo dell’azienda e dell’intero gruppo”. Il Presidente dell’Organismo di Vigilanza Dott. Zincani ha esposto l’attività di esame della documentazione che ha portato ad individuare alcuni casi specifici da segnalare al CdA. L’assemblea dei Soci ha ascoltato quindi l’esposizione del legale Avv. Morara incaricato dal CdA di valutare se sussistessero gli estremi per un’azione di responsabilità ex articolo 2393; i soci hanno approvato a larga maggioranza l’avvio di un’azione civile nei confronti dei precedenti amministratori e sindaci. “L’azione di rivalsa non è solo giusta e doverosa, è anche necessaria”, ha dichiarato ancora Gori. “I protocolli tra ANAC e Ministero dell’Interno individuano nell’azione di responsabilità avversa gli amministratori il principale atto di dissociazione”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet