Costruzioni, nuovo crollo: volume d’affari a -6,7%


E’ allarme per una crisi senza fine nel settore delle costruzioni. In Emilia-Romagna, nel terzo trimestre del 2014, il volume d’affari affonda: -6,7 per cento. A essere colpite sono le imprese di tutte le dimensioni. In un anno scomparse 1.669 imprese, la gran parte ditte individuali, mentre aumentano le società di capitali. Queste indicazioni emergono dall’indagine sulla congiuntura delle costruzioni realizzata in collaborazione tra Camere di commercio, Unioncamere Emilia-Romagna e Unioncamere. Come si ricordava, il volume d’affari a prezzi correnti è crollato del 6,7 per cento rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, una contrazione tra le più ampie mai sperimentate e ben maggiore di quella del trimestre precedente (-3,0 per cento), che aveva fatto sperare in un contenimento. Manca la domanda e il credito non è disponibile. Il 47 per cento delle imprese rileva un volume d’affari in calo rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. Era andata peggio solo nel primo trimestre del 2012. Il crollo colpisce le imprese di tutte le dimensioni, senza sostanziali differenze. Non ci consola che la tendenza sia peggiore a livello nazionale.
Lavoro Secondo Istat nel secondo trimestre gli occupati nelle costruzioni erano 115 mila: il 4,8 per cento in meno rispetto a un anno prima. Il registro delle imprese A fine settembre 2014 le imprese attive nelle costruzioni sono 70.309, quindi 1.669 in meno in un anno (-2,3 per cento). La riduzione è più ampia tra quelle operanti nei lavori di costruzione specializzati (-949 unità, -1,8 per cento) e più rapida per le attive nella costruzione di edifici (-3,7 per cento, -702 unità). La diminuzione è determinata dalle imprese individuali (-2,8 per cento, 1.428 unità) e dalle società di persone (-2,9 per cento). Risulta lievemente più contenuta la flessione per i consorzi e le cooperative (-2.4 per cento). Le società di capitali, invece, aumentano leggermente (+0,3 per cento).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet