Cosmetici naturali e prodotti tessili: CCPB certifica il biologico


BOLOGNA, 30 MAR. 2009 – E’ già ricco di risultati il 2009 di CCPB srl, il Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici. Due importanti organizzazioni internazionali di settore lo hanno riconosciuto come organismo in grado di certificare, rispettivamente, cosmetici naturali e prodotti tessili.Il primo riconoscimento è arrivato nello scorso mese di gennaio da parte di Natrue, un associazione svizzero-tedesca che si occupa di definire e far rispettare gli standard di produzione dei cosmetici biologici e maturali e dei loro ingredienti. Si tratta di uno standard di proprietà del sistema produttivo di questi Paesi che sta già operando a livello comunitario. CCPB è stato scelto come primo e unico organismo di certificazione italiano abilitato a certificare aziende e prodotti in conformità ad esso. E l’attestato è ancora più interessante per il fatto che lo standard è di proprietà di chi produce e non di chi controlla: si tratta, quindi, di un percorso maturo con cui il settore dovrà confrontarsi per dare univocità concettuale al sistema di riconoscimento del cosmetico biologico.Lo standard prevede quantità minime di ingredienti di origine naturale e biologica, differenziate fra le diverse tipologie cosmetiche e non univocamente per qualsiasi prodotto indipendentemente dalla categoria cui il prodotto appartiene. Inoltre, vi sono liste positive di sostanze di sintesi cui si può ricorrere per motivi legati alla conservazione dei prodotti o per conferire caratteristiche e performance di gradevolezza al consumatore nel rispetto dei principi della “biologicità” del prodotto.Il 19 febbraio 2009, invece, in occasione di Biofach, CCPB ha siglato a Norimberga, in Germania, un contratto di certificazione con il segretariato di Gots – Global Textile Organic Standard – che si occupa di prodotti tessili. Dopo quasi 5 mesi di lavoro e di messa a punto dei documenti, il Consorzio è stato riconosciuto idoneo ad offrire anche questo servizio ad un settore che può finalizzare lo sforzo di molte aziende impegnate nella produzione di fibre biologiche e di mezzi tecnici a basso impatto ambientale necessari a rendere possibile il processo produttivo e le filiere fino alla produzione di un capo d’abbigliamento finito.Il Gots rappresenta l’unico standard riconosciuto a livello internazionale che finalizza l’attività di produzione delle fibre naturali biologiche, in quanto prende in considerazione tutte le fasi produttive successive alla raccolta della fibra grezza fino al prodotto tessile finito. Lo standard prevede la possibilità di certificare stoffe, tessuti e capi d’abbigliamento che contengono almeno il 95% o il 70% di fibre biologiche o biologiche in conversione.CCPB opera nel settore tessile da ormai più di tre anni eseguendo controlli di conformità lungo tutta la filiera, sia in Italia che in altri Paesi esteri, fra cui India, Siria, Tunisia, Albania, Bulgaria, Lituania, e formando ispettori e personale esperto nel settore tessile. Per qualsiasi informazione che riguardi sia il settore cosmetico che quello tessile, è possibile contattare l’Ufficio Certificazione di Prodotto del Consorzio per il Controllo dei Prodotti Biologici, che offre l’assistenza necessaria per iniziare l’iter di certificazione.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet