Corte dei conti regionale: più rigore su consulenze e incarichi esterni


Con la collaborazione di Teleromagna 15 GEN. 2009 – Dopo la provincia di Ravenna e i comuni di quel territorio, la Corte dei Conti dell’Emilia-Romagna invita anche quelle di Forlì-Cesena e i suoi comuni a rispettare maggiormente lo spirito delle norma che da’ un giro di vite su consulenze e incarichi esterni. Nel mirino dei magistrati contabili soprattutto i Comuni di Gambettola e Sogliano sul Rubicone che presentano regolamenti che non contemplano il presupposto fondamentale di legittimita’ secondo cui "l’amministrazione deve riscontrare in concreto al suo interno la carenza, sotto l’aspetto quantitativo e qualitativo, di una figura professionale idonea a svolgere quell’incarico". Ripresi anche i Comuni di Cesena, Forli’, Bertinoro e Montiano perche’ nei loro regolamenti non specificano bene che "gli incarichi vanno assegnati ad esperti di comprovata specializzazione, anche universitaria".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet