Correggio: la strada è lunga e la fame è tanta


22 GIU 2009 – “La strada è lunga e la fame è tanta” dicevano i vecchi cantastorie che si avventuravano lungo le vie italiane e arrivavano a superare le Alpi o il mare per suonare lì dove la musica si traduceva in pane. Poi c’erano quelli bravi, quelli che avevano tanto pubblico, le prime incisioni alla radio e allora arrivava anche il companatico. Ma lo spirito della musica di strada è rimasto immutato. Si suona per avere la gioia del baratto: si offrono note ed emozioni per avere in cambio un po’ di pane per le colazioni.Da questo spunto materiale nasce il percorso che ha messo insieme Mimmo Epifani, il Django Reinhardt della mandola, Acquaragia Drom, il gruppo storico della musica zingara italiana e Sandu “Sandokan” Gruia, il virtuoso rom rumeno del contrabasso a 3 corde, per investigare i repertori musicali tradizionali legati alla “fame da lupo”.Perché una volta lo spirito nomade era uno spirito libero, che sognava di andare oltre l’orizzonte, incurante dei confini.Ancora una volta l’amministrazione comunale di Correggio (reduce peraltro da una riconferma elettorale invidiabile non solo per i numeri ma per la condivisione dimostrata verso le politiche di questi anni) ci sorprende. Con un atto contro quella corrente oscura che è la xenofobia, la discriminazione. Quella corrente che ha portato leghisti in forze al parlamento europeo a rappresentare l’Italia e nella periferia tedesca ha persino resuscitato il partito nazista.Ma la notte bianca di Correggio (“Buonanotte Correggio”) resiste in modo festoso a questi tempi oscuri e propone un programma insieme “impegnato” e improntato alla leggerezza, alla tradizione e al territorio, pensati in senso positivo, come appunto poteva essere la felicità del nomade che arrivava in un posto a lui estraneo, ne scopriva il gusto e le bellezze e restituiva gioia in forma di musica.Quest’anno sarà proprio il gusto a caratterizzare l’iniziativa che avrà come tema il pane, cibo da gustare, elemento culturale, fedele interprete di mille tradizioni e, per una volta, anche spettacolo da ballare: come già negli anni scorsi, infatti, cuore dell’iniziativa sarà il concerto gratuito organizzato dal Comune di Correggio, nella splendida piazza Garibaldi, che vedrà salire sul palco Mimmo Epifani, Sandokan Gruia e gli Acquaragia Drom con il loro “Pane&Companatico: storie di mangiate dimenticate”. Aperti, naturalmente, anche gli istituti culturali: in particolare, al museo Il Correggio sarà possibile visitare le mostre di Stanislao Farri e di Mario Pavesi, mentre al “Correggio Art Home” alle 21, “Art Home Night”, apertura notturna della Casa del Correggio.In programma, inoltre, numerosi appuntamenti rivolti a bambini, ragazzi e famiglie: le installazioni luminose e le creazioni video dello Spazio Giovani Casò, dalle 21 in via Cantarelli, e la “Mezza…notte bianca dei bambini”, letture a cura dei volontari “Nati per leggere” organizzati dalla ludoteca “Piccolo Principe” dalle 21 nell’area verde della Chiesa di San Francesco.A tutto questo si aggiungeranno, come di consueto, le tante iniziative proposte da bar, ristoranti, associazioni ed esercizi commerciali del centro cittadino.La viabilità subirà inevitabili modifiche che interesseranno le vie del centro storico dal pomeriggio del 27 giugno. Attivato anche il bus navetta gratuito che effettuerà soste a Porta Reggio, in p.le Finzi (Coop) e area fiere di via Fazzano.Per informazioni e programma dettagliato: Informa Turismo del Comune di Correggio, tel. 0522.631770, www.comune.correggio.re.it

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet