Coro gay: i valdesi aprono la porta chiusa da Caffarra


BOLOGNA, 20 OTT. 2009 – Con i cattolici non è andata molto bene, quindi il coro omosessuale di Bologna Komos ha deciso di riprovarci con i protestanti. Da una settimana è la chiesa metodista valdese di via Venezian, a due passi da piazza Maggiore, a ospitare le prove del coro maschile che a settembre ha dovuto lasciare la chiesa di San Bartolomeo della Beverara. La cacciata è stata imposta dall’arcivescovo Carlo Caffarra, che per giustificare la mancata ospitalità ha inviato un messaggio in cui ricordava l’esistenza di un documento della Congregazione per la dottrina della fede sugli omosessuali del 1986. E proprio per festeggiare la novità, il 18 novembre il coro si esibirà in concerto. Il cardinale e il suo vicario, monsignor Ernesto Vecchi, sono stati invitati, ma chissà se riusciranno a vincere l’imbarazzo e a partecipare alla serata.Il tandem con la chiesa protestante, punto di riferimento per i fedeli di Bologna e Modena, è nato un mesetto fa per "una strana telepatia", ha spiegato Guido Armellini, presidente del Consiglio della chiesa, l’organo elettivo che governa la chiesa locale e che èformato da 12 persone. I coristi sfrattati hanno bussato in via Venezian proprio quando i metodisti stavano pensando di offrire la chiesa per le prove. "La richiesta è passata all’unanimità e senza nessuna obiezione", ha spiegato Armellini. "Per noi l’omosessualità non è un peccato – ha aggiunto – e l’apertura al Komos ci è sembrato un modo per dare pieno diritto di cittadinanza a un coro, indipendentemente dalle propensioni sessuali delle persone". Al concerto di novembre parteciperanno anche il tenore americano Jason Ferrante, in Italia per la produzione del Comunale di Bologna ‘Sweeney Todd’, e il musicologo Michael Aspinali. L’auspicio del coro è che Caffarra e Vecchi "riescano a trovare il tempo per raccogliere l’invito a partecipare". Speranza condivisa da Armellini: "Noi accogliamo chiunque e con i cattolici abbiamo rapporti fraterni. La cosa, però, non è molto reciproca la cosa" ha ironizzato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet