Coop Legno, in cordata con due cooperative romagnole, rileva la Master di Piacenza


MODENA, 5 FEB. 2009 – Con una cordata paritetica, la Coop Legno di Castelvetro (MO), la 3Elle di Imola e la Cocif di Longiano (FC), cooperative aderenti a Legacoop e leader in Italia nella produzione di porte e serramenti, hanno rilevato insieme il 100% di controllo della “Master Costruzioni Tecniche di Sicurezza srl” di Piacenza, presente sul mercato dei serramenti con il marchio MASTER. L’investimento complessivo delle tre cooperative è stato di 7,5 milioni di euro. La Master Costruzioni era controllata dal 2002 dalla Master Holding Group Inc., un fondo di Private Equity USA con sede in Florida. La società opera in un settore molto importante del comparto serramenti, quello delle porte e portoncini blindati. Settore nel quale, con una rilevante quota di mercato e i suoi 107 dipendenti, si colloca al quarto posto del ranking in Italia per dimensioni. Con una produzione annua di oltre 46.000 portoncini blindati, di cui il 30% venduti all’estero, principalmente in Europa, il fatturato 2008 è stato di circa 18 milioni di euro. La crisi del mercato immobiliare sta creando difficoltà anche alla tradizionale industria dei prodotti in legno. Però, anche se in stagnazione, investire in nuovi prodotti adatti a questi tempi difficili può offrire opportunità di sviluppo. E’ una delle scommesse con cui Coop Legno, forte dei suoi 240 occupati e di 200.000 porte prodotte per un fatturato 2008 di 40 milioni, sta reagendo alla crisi. Annunciando l’acquisizione, il presidente di Coop Legno, Marco Gadda, e i responsabili di “3Elle” e di Cocif hanno voluto sottolineare come l’”operazione Master” avvia, in un contesto economico e finanziario pur difficile, "una nuova strategia che promuove possibili e concrete sinergie produttive tra realtà imprenditoriali di successo, complementari nei loro settori di core business, per puntare, insieme, a una maggiore e più redditiva ottimizzazione dei costi di produzione e di distribuzione". Tra i primi obiettivi, c’è quello di portare la produzione annua della Master a 70.000 portoncini blindati.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet