Coop Conselice, bene il bilancio


Nonostante il perdurare della crisi CESAC e i suoi produttori agricoli non si sono lasciati piegare e hanno reagito a questa situazione. Scelta vincente come dimostra il bilancio 2014 della cooperativa di Conselice (RA). I principali dati del Centro Economico Servizi Agricoli (CESAC), che verranno illustrati in occasione dell’Assemblea dal presidente Stefano Andraghetti, sono infatti positivi: il fatturato ha superato i 56,5 milioni di euro risultando superiore del 28,4% rispetto ai 44 milioni del 2013 e quasi triplicato rispetto ai 21 milioni del 2012, gli addetti hanno raggiunto le 200 unità (35 nel 2012), i soci si sono attestati a quota 1.300 e la produzione conferita ha superato le 120.000 tonnellate, così suddivise: 70.000 tonnellate di cereali (praticamente triplicati in 3 anni), 45.000 di orticole, di cui 24.000 di patate e 21.000 di cipolle, queste ultime pari al 63% dell’intera produzione del comprensorio bolognese e al 10% del raccolto nazionale; completano l’offerta di CESAC 6.000 tonnellate di uva. “Buone notizie – dichiara il presidente Andraghetti – arrivano anche sul fronte patrimoniale con l’indice di autonomia patrimoniale salito da 0,05 nel 2013 a 0,07 nel 2014 grazie all’aumento di capitale, l’indice del peso del capitale permanente cresciuto da 0,16 a 0,26 e l’indice di indebitamento diminuito da 15,9 a 11,7. Anche gli indici finanziari evidenziano un trend positivo e il bilancio mostra che l’incidenza degli oneri finanziari sul fatturato è pari all’1,24%, mentre l’incidenza degli ammortamenti sul fatturato è dell’1,46%. L’indicatore di liquidità primaria è passato da 0,43 nel 2013 a 0,48 nel 2014.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet