Coop, 10% di sconto a chi paga il prezzo della crisi


BOLOGNA, 3 APR. 2009 – Il dieci per cento di sconto sulla spesa a chi, oggi, sta pagando di più: lavoratori licenziati, in cassa integrazione o con un contratto di solidarietà. È l’iniziativa con la quale – dal 14 aprile e per 12 settimane – Coop Consumatori Nordest e Coop Adriatica offriranno il proprio sostegno a coloro sui quali, negli ultimi sei mesi, si è abbattuta la crisi occupazionale. Nelle sei regioni in cui sono presenti le due Cooperative – gran parte dell’Emilia Romagna, il Friuli Venezia Giulia, il Veneto, le Marche e l’Abruzzo, più le aree di Mantova e Brescia in Lombardia – si stima che la platea dei potenziali beneficiari sia di oltre 100 mila persone. Lo sconto è valido su una spesa settimanale fino a 60 euro e consentirà ai beneficiari un risparmio massimo di 72 euro nell’intero periodo.“Si tratta di un intervento straordinario che interpreta la nostra missione mutualistica – spiegano i presidenti di Coop Consumatori Nordest e Coop Adriatica, Marco Pedroni e Gilberto Coffari –  Vogliamo dare un sostegno concreto, anche se temporaneo e certamente non risolutivo, a chi oggi sta pagando di più la crisi. La nostra è una scelta che dà un segnale di vicinanza e solidarietà alle persone che vedono la propria busta paga decurtata o addirittura azzerata. Non abbiamo la pretesa di sostituirci alle istituzioni: ci auguriamo anzi che anche altre realtà imprenditoriali e sociali diano il proprio contributo per fronteggiare l’emergenza occupazione”. In base alle prime stime, nelle aree interessate l’iniziativa potrebbe interessare una platea di oltre 100 mila persone e comporterà un investimento complessivo, per le due Cooperative, di almeno 5 milioni di euro. È difficile però stimare quanti dei potenziali beneficiari aderiranno.Per usufruire dello sconto occorre essere soci di Coop Consumatori Nordest o di Coop Adriatica; chi non lo è già potrà associarsi, ricevendo un ulteriore buono spesa che compenserà parzialmente la quota sociale. Quindi, dal 14 aprile basterà presentarsi al punto di informazione in tutti i 233 negozi Coop coinvolti con un documento rilasciato dal datore di lavoro che comprovi la condizione occupazionale a partire dallo scorso ottobre: la lettera di licenziamento per ridimensionamento aziendale o chiusura dell’attività, una dichiarazione attestante la cassa integrazione ordinaria o straordinaria, o, ancora, il contratto di solidarietà. Ciascun beneficiario riceverà dunque ogni mese quattro buoni sconto del 10% validi ciascuno per una settimana, fino al 5 luglio. La riduzione sullo scontrino è valida su qualunque prodotto, compresi gli articoli già in promozione, con le sole eccezioni di farmaci, giornali e carte telefoniche, che per legge non possono essere scontati. Non si ha invece diritto ai buoni se la rottura del rapporto di lavoro è dovuta a licenziamento per giusta causa o a giustificato motivo soggettivo o per dimissioni.L’attestazione andrà esibita ogni mese, proprio nella speranza che le persone restino il meno possibile in condizione di difficoltà. Per evitare disagi, i buoni si presenteranno in forma sobria e anonima, e riporteranno la semplice dicitura: “Valido per uno sconto del 10%”.Lo sconto per “chi sta pagando di più” si affianca alle altre iniziative messe in campo da Coop Consumatori e da Coop Adriatica a sostegno dei potere d’acquisto dei soci e dei consumatori, e ai progetti di solidarietà delle Cooperative contro l’esclusione sociale e le nuove povertà.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet