Convenzione Cia e Istituto Cervi


La Confederazione Italiana Agricoltori – Cia e l’Istituto Alcide Cervi hanno sottoscritto una convenzione con lo scopo di valorizzare al massimo l’attività della Biblioteca Archivio dedicata ad Emilio Sereni e le attività che vi sono collegate, dedicate agli studi sul paesaggio agrario. A firmare il documento, presso l’Aula Magna della sede reggiana dell’Università di Modena e Reggio, sono stati i presidenti Secondo Scanavino e Rossella Cantoni, auspice il capogruppo S & D del Parlamento Europeo Gianni Pittella. Un documento che rafforza la storica collaborazione della Cia con l’Istituto che ha sede a Gattatico; va ricordato infatti che l’Organizzazione agricola è l’erede dell’Alleanza Nazionale Contadini, socio fondatore dell’Istituto Cervi, e che dell’Alleanza Emilio Sereni fu presidente. Con i suoi numerosissimi studi, Emilio Sereni ha fornito un grande contributo di elaborazione teorica e di ricerca empirica alle più diverse scienze storico–sociali; tuttavia la sua fama anche a livello internazionale è legata soprattutto alla notissima “Storia del paesaggio agrario italiano” (scritta nel1955, ma pubblicata nel 1961). Tutto il materiale ereditato da un lascito di Sereni è di proprietà della Cia, che lo ha ceduto in uso gratuito all’Istituto Cervi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet