Contro le tre “C” del governo


Clicca sull’immagine per vedere il video Alla base dei progetti del governo Berlusconi e della Confindustria in materia di lavoro, pensioni, welfare, ci sono tre parole chiave da combattere: complicità, collaborazione e carità. La complicità è quella che le imprese stanno chiedendo ai lavoratori, cercando di modificare le relazioni sindacali. La collaborazione è la filosofia che sta dietro al Libro verde sul welfare del ministro Sacconi il quale vorrebbe vedere i pensionati collaborare al sostenimento della spesa per i servizi (privati) di assistenza e sanità. La carità sta nelle misure, come la social card, adottate dal governo per cercare di tamponare, in maniera umiliante, gli effetti della crisi. E’ quanto afferma Carla Cantone, segretaria generale nazionale Spi-Cgil, in un’intervista concessa al mensile "Argentovivo", la rivista dei pensionati della Cgil Emilia-Romagna. La leader nazionale dello Spi compie un’analisi puntuale della politica attuale e dei suoi errori: “Sono milioni in Italia le persone che vivono con meno di 700 euro al mese, e altrettante quelle che vivono con meno di mille euro al mese. Questo semplicemente non è degno di un Paese civile”. Emilianet ha incontrato Carla Cantone per una videointervista su cosa chiedono quei pensionati, tanti, che venerdì 12 dicembre aderiscono allo sciopero generale indetto dalla Cgil.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet