Contratto di solidarietà alla Minarelli Motori


BOLOGNA, 14 SET. 2011 – Ottantotto dipendenti della Minarelli Motori, azienda delle due ruote nata sessant’anni fa come Fbm (Fabbrica bolognese motocicli), non verranno messi in mobilità. E’ questo il primo risultato dell’accordo per il contratto di solidarietàfirmato in Regione, il cui avvio è previsto da lunedì per una durata di sette mesi. Complessivamente la solidarietà interesserà 285 lavoratori, suddivisi nelle unità aziendali di Calderara di Reno. La riduzione dell’orario si articolerà su base giornaliera e/o settimanale, nel rispetto della percentuale complessiva media di riduzione parametrata su base settimanale, pari al 42,784% del normale orario di lavoro contrattuale dei lavoratori coinvolti nel contratto di solidarietà. Soddisfatto l’assessore regionale alle attività produttive, Gian Carlo Muzzarelli: "E’ un passo importante in un momento difficile per l’economia in generale, e in particolare per le due ruote". L’incontro, ha sottolineato Muzzarelli, "é il frutto di un’assunzione di responsabilità per salvare posti di lavoro a rischio. Preoccupa il comparto delle due ruote, per il quale la crisi Minarelli Motori rappresenta un ulteriore segnale negativo. Occorre trovare insieme soluzioni che diano nuovo slancio a un settore in difficoltà: le due ruote debbono ritornare ad essere un riferimento della mobilità sostenibile". Per il 12 ottobre è riconvocato in Regione il tavolo regionale per affrontare la crisi del settore.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet