Conto alla rovescia per Mariella Burani


© TelereggioREGGIO EMILIA, 9 MAG. 2012 – Sul tavolo del giudice Luciano Varotti, nella sezione civile del Tribunale di Reggio, il fascicolo Mariella Burani è in bella vista in questi giorni. E’ una fase cruciale per il destino del gruppo della moda di Cavriago. Entro questa settimana si esaurisce il tempo per la conclusione della trattativa con un ultimo imprenditore interessato all’acquisto dell’azienda. Di lui i commissari straordinari hanno solo detto che la sua ditta è specializzata in abiti da sposa. Fra lavoratori e sindacati si è diffuso un certo pessimismo, anche perché tutte e cinque le manifestazioni di interesse raccolte nelle scorse settimane si sono dissolte nel nulla. E ora i tempi stringono.Il termine entro il quale i commissari straordinari dovevano concludere il loro programma di cessione è già scaduto il 28 aprile scorso. Era calcolato su un arco di tempo di un anno, più tre mesi di proroga, dal momento dell’approvazione da parte del Ministero dello Sviluppo economico, e cioè dal 28 gennaio 2011. Per questo il giudice Varotti ha fissato per la mattina del 17 maggio un’udienza nel corso della quale i commissari, o chi per loro in rappresentanza del Ministero dello Sviluppo, dovranno presentare una relazione sull’esito del programma di liquidazione dell’azienda. Dovranno insomma resocontare i risultati del loro operato in questi 15 mesi di mandato.Per la verità avrebbero dovuto farlo a tappe intermedie, ogni tre mesi, ma alla cancelleria civile del Tribunale non è mai arrivato nulla, anche perché la legge non stabilisce sanzioni per questa inadempienza. Riusciranno i tre commissari in questi pochi giorni a concretizzare la vendita? Lo scetticismo è diffuso. Ma lo sbocco in presenza di un nulla di fatto sarebbe devastante: l’avvio dell’iter per il fallimento di Mariella Burani, di quella che fu una realtà produttiva con un marchio conosciuto a livello mondiale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet