Continua la protestadella Fiom modenese


MODENA, 23 FEB. 2012 – Dopo i Torrazzi, tocca alla via Emilia. La protesta della Fiom Cgil di Modena non si ferma, e a 24 ore dalla manifestazione nella zona industriale a nord della città oggi replicano le aziende metalmeccaniche di via Emilia Ovest. Il programma è sempre lo stesso: ritrovo intorno alle 10 e mezza di fronte ad uno stabilimento – in questo caso erano un centinaio davanti alla sede della Rossi Motoriduttori – e partenza di un corteo in direzione tangenziale, con conseguente blocco temporaneo del traffico e disagio per gli automobilisti. Percorso il tratto tra le uscite 15 e 14, i lavoratori sono poi tornati sulla statale scandendo slogan e esibendo striscioni in difesa dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Ma ad essere presa di mira è stata soprattutto e nuovamente Federmeccanica, che secondo i metalmeccanici punta a ridurre il livello di rappresentanza della Fiom Cgil all’interno delle aziende associate. E la protesta continua. Domani è il turno di Castelfranco Emilia, dove le principali aziende metalmeccaniche si fermeranno per 3 ore dalle 8 e mezza alle 11 e mezza e raggiungeranno in corteo il municipio per essere ricevute dal sindaco Stefano Reggianini.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet