Consumi elettrici in calo nei settori produttivi


Al di là dei parametri aziendali (fatturato, produzione e via dicendo) ci sono dati oggettivi che consentono di valutare l’andamento dell’economia. Uno di questi è senz’altro quello dei consumi elettrici, quelli che l’ufficio studi di CNA Modena ha preso in esame per verificare, sulla base appunto di numeri “reali”, come si sono comportate le aziende del nostro territorio nel 2013, ultimo dato storico disponibile. Ebbene, il 2013 ha visto una crescita complessiva dei consumi elettrici del 3,8%. Attenzione, però, perché se si vanno a indagare i numeri, si rileva come questo aumento si concentri nel consumo domestico (62%) ed il rimanente net terziario, mentre il settore manifatturiero, che da solo rappresenta la metà del consumo elettrico modenese, ha visto una riduzione del 3,8%, segno inconfutabile delle difficoltà del nostro sistema produttivo.

Affinando ancora l’analisi, il comparto che, consumi alla mano, appare più in difficoltà è quello alimentare (-7,3%), seguito dalla lavorazione di materie plastiche (-4,6%) e dalla meccanica (-1,7%), con la sola eccezione, nell’ambito di quest’ultima, dei mezzi di trasporto (+2,8%). In controtendenza il settore tessile (+4,4%) e la ceramica (+0,6%, a fronte, però, di un’incidenza piuttosto elevata sul totale dei consumi, il 22,4%, anche a causa dei processi produttivi). Da segnalare il -2,5% del commercio, ma anche il +12,2% del settore costruzioni, sul quale con ogni probabilità ha inviso l’attività di ricostruzione nell’Area Nord, colpita dal sisma 2012. “Risparmioso”, potremmo definirlo così, il consumo pubblico, con una diminuzione del 2,3% fatta registrare sia dalla pubblica amministrazione che dall’illuminazione pubblica. “Sono numeri – commenta Umberto Venturi, presidente di CNA Modena – che offrono un’ulteriore chiave di valutazione dello stato di salute della nostra economia, e da questo punto di vista certo non rassicura il fatto che, su base nazionale, tra luglio 2014 e luglio 2013 sia stato registrato un calo dei consumi di energia elettrica dell’1,6%”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet