Consorzio Terre di montagna nell’Albo eccellenze rurali


Il Consorzio Terre di Montagna è stato inserito nell’Albo delle Eccellenze Rurali, un progetto che racconta esperienze di buon utilizzo dei fondi comunitari a sostegno dello sviluppo rurale. Nell’Albo, gestito dal Ministero delle Politiche agricole, sono censite circa cento aziende agrifood in tutta Italia (cinque in Emilia-Romagna) che sviluppano buone pratiche; le eccellenze rurali sono documentate con video, schede di approfondimento, interviste e gallerie fotografiche. Costituito nel 2008 a Montese e aderente a Confcooperative Modena, il Consorzio Terre di Montagna associa nove caseifici (cinque del crinale modenese e quattro del crinale bolognese), per complessivi 85 soci allevatori che conferiscono ogni anno 250 mila quintali di latte trasformato in 45 mila forme di Parmigiano Reggiano di montagna. Scopo del Consorzio Terre di Montagna è promuovere le produzioni casearie e aggregare l’offerta, supportando i caseifici soci nella manutenzione e stagionatura, lavorazione, porzionatura e commercializzazione. Tramite il canale commerciale segmento retail, il Consorzio Terre di Montagna fornisce il Parmigiano Reggiano di montagna ai suoi 350 clienti tra Italia ed estero (Germania, Francia, Spagna, Austria, Belgio, Svezia e Irlanda). Il Consorzio Terre di Montagna ha permesso al Parmigiano Reggiano di arrivare in mercati difficilmente raggiungibili dai singoli caseifici, ha migliorato la comunicazione verso i clienti e le relazioni commerciali, ha consentito di ottenere i contributi pubblici del Piano regionale di sviluppo rurale. Per il futuro gli obiettivi sono il miglioramento della produttività, redditività e qualità del prodotto, una maggiore internazionalizzazione dei mercati di sbocco e l’utilizzo della menzione aggiuntiva “Prodotto di Montagna” recentemente introdotta dall’Unione europea. Le attività del Consorzio Terre di Montagna sono considerate “eccellenza rurale” perché valorizzano il territorio e le sue tradizioni, rafforzando la coesione e integrazione tra le aziende della filiera.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet