Consorzio parmigiano in Senato


‘Il Consorzio di tutela del Parmigiano Reggiano giocherà un ruolo determinante per i produttori in vista del termine del sistema delle quote latte previsto al 31 marzo di quest’anno”. Lo ha detto il presidente del Consorzio, Giuseppe Alai, in audizione oggi alla commissione Agricoltura del Senato, dove ha evidenziato altre tematiche del comparto: dal nuovo piano produttivo dell’offerta 2015, all’internazionalizzazione per creare nuovi sbocchi di mercato, e questo anche alla luce delle aperture alle esportazioni sia in Corea del Sud che in Algeria; ma anche all’aggregazione e all’interprofessione, fattori indispensabili per poter competere. ”Abbiamo riscontrato un grande interesse da parte dei senatori alle nostre problematiche”, ha detto il presidente, che ha spiegato come il Parmigiano Reggiano sia l’unico formaggio ad aver assegnato direttamente agli allevatori le quote latte da destinare alla trasformazione, creando anche nuovo valore per quasi 3.500 allevamenti; il che permette loro di scegliere se utilizzarla per il Parmigiano Reggiano, trasferirla a terzi o usarla come elemento di garanzia per ottenere credito. Quanto al Piano di produzione il Consorzio ha fatto presente come negli ultimi tre anni la produzione sia cresciuta di quasi il 10%, a fronte di un crollo dei prezzi all’ingrosso passati da 11 a circa 7 euro al chilo. Un trend che Consorzio punta ad invertire riducendo la produzione del 5% per il 2015, pari a 150 mila forme.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet