Confindustria verso la fusione sulla via Emilia


Grandi manovre in Confindustria; Modena, Reggio Emilia e Bologna vanno verso la fusione. Se andasse in porto: Unindustria Emilia sarebbe un gigante secondo solo alla potente Assolombarda. Da mesi i rispettivi presidenti: Pietro Ferrari per Modena, Stefano Landi per Reggio e Alberto Vecchi per Bologna ci stanno lavorando. La nuova associazione metterebbe insieme circa 4.200 imprese per 200mila lavoratori. In questo modo Unindustria Emilia risparmierebbe sui costi ottenendo maggior peso politico a livello nazionale. Arrivarci però non è facile come ha spiegato la presidente dei giovani industriali di Modena Elena Salda a margine di un convegno sull’internazionalizzazione delle aziende. Le giovani imprese intanto guardano all’estero per cresce. Attraverso un portale web Confindustria da tutti i consigli necessari ai propri associati.

Pier Paolo Pedriali

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet