Confindustria Modena: “Giù il cuneo fiscale”


MODENA, 10 GIU. 2013 – E’ una situazione difficile e pesante quella in cui versa l’economia nazionale. E anche il territorio modenese risente di una crisi lunga ormai cinque anni. In occasione dell’assemblea generale di Confindustria Modena, l’analisi del presidente Pietro Ferrari non poteva prescindere dalle ripercussioni che il terremoto di un anno fa ha avuto sul sistema produttivo provinciale. Ma c’è anche fiducia. La via da seguire, ha detto Ferrari, è quella dell’export, cresciuto del 12 per cento rispetto al 2009. Gli imprenditori locali però hanno bisogno di tranquillità per raggiungere i loro obiettivi, per programmare e investire. Al Governo, Confindustria chiede stabilità, e in quest’ottica lancia le sue proposte, a partire dalla riduzione del cuneo fiscale.L’occupazione ancora tiene, ma Ferrari non si accontenta. Per far sì che torni a crescere è necessario almeno un altro anno di sacrifici. Rinunciando, se serve, a qualche garanzia. Modena deve tenere legate il più possibile le competenze che danno forza al suo territorio. Solo così, secondo Ferrari, potrà continuare a essere una provincia trainante per l’economia dell’intero paese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet