Confindustria-Intesa Sanpaolo: 1,4 miliardi per le Pmi


BOLOGNA, 12 LUG. 2013 – Confindustria, Carisbo, Cariromagna e Banca Monte Parma hanno siglato questa mattina a Bologna il rinnovo dell’accordo per l’accesso al credito, che metterà a disposizione delle piccole e medie imprese dell’Emilia-Romagna un plafond da 1,4 miliardi di euro. In base ai contenuti dell’intesa, le banche contatteranno 3.300 imprese della regione per offrire credito a supporto della crescita aziendale. Gli istituti, inoltre, incontreranno 1.500 aziende esportatrici per illustrare servizi e soluzioni finanziarie dedicate all’export. Con la firma di oggi, in sostanza, viene ratificato a livello regionale l’accordo nazionale tra l”associazione degli industriali ed il gruppo Intesa Sanpaolo, che prevede un plafond di dieci miliardi di euro. L’accordo con le banche del gruppo Intesa si inserisce “nel comune impegno per lo sviluppo e la competitività del sistema industriale dell’Emilia-Romagna”, commenta soddisfatto Maurizio Marchesini, presidente regionale di Confindustria. Del resto, “uno degli elementi che rendono difficile l’uscita dalla crisi è proprio la difficoltà nell’accesso al credito”, aggiunge Marchesini. “I nostri imprenditori sono nati attorno al prodotto e sanno bene come aderire al mercato, ma- sottolinea il numero uno di Confindustria- sono molto deboli dal punto di vista finanziario”. E” un dato di fatto che “da sei anni a questa parte il punto dolente per il sistema delle Pmi e” l”accesso al credito”, ribadisce Simonetta Monica Talmelli, presidente regionale di Piccola industria: in questa fase e” necessario “riprogettare il sistema delle nostre imprese e per farlo abbiamo bisogno del sistema bancario”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet