Confindustria, il punto sul jobs act


A margine di un convegno sulle novità previdenziali per dirigenti e quadri – nel quale si segnala, tra l’altro, che la legge che distingue gli uni dagli altri è vecchia di settant’anni e per nulla chiara – il responsabile nazionale per Welfare e Lavoro di Confindustria Pierangelo Albini ha colto l’occasione per parlare di tutt’altro: neanche a dirlo, del Jobs Act. Una riforma del lavoro che ai sindacati non piace, ma che per gli industriali corregge il tiro nella direzione giusta. “Quando le cose cambiano è assurdo pretendere di continuare a comportarsi come prima” ha detto dal palco dello Hotel Raffaello.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet