Confindustria e ricostruzione, a sei mesi dal sisma


MODENA, 19 NOV. 2012 – Il giorno non è di sicuro stato scelto a caso, è infatti in programma domani 20 novembre, alle ore 10 presso l’auditorium Fini di via Bellinzona, il convegno "Ricominciare, il punto a sei mesi dal sisma nel modenese" organizzato da Confindustria Modena. L’emergenza è passata, ma il capitolo ricostruzione è appena cominciato e si prospetta un periodo lungo, impegnativo e pieno di ostacoli prima che il nostro tessuto imprenditoriale possa mettersi alle spalle questa calamità. Da qui l’esigenza, a 180 giorni dalle prime forti scosse, di analizzare la situazione ascoltando le istanze del sistema economico.Per l’occasione il Gruppo Giovani di Confindustria Modena ha commissionato un’accurata indagine all’Ispo di Renato Mannheimer, che sarà illustrata dall’esperto durante il convegno. Nello studio sono stati misurati in termini reali (perdita di fatturato, capacità produttiva, ecc.) gli effetti che il terremoto ha avuto sulle imprese della zona colpita, ma è stata dedicata una particolare attenzione anche alla percezione che gli italiani hanno avuto di quanto avvenuto in questa area del Paese. La ricerca è stata commissionata dal Gruppo Giovani di Confindustria Modena e rientra in un più complessivo progetto di marketing territoriale a sostegno delle aziende dell’Area Nord.I dati elaborati dall’Ispo costituiranno la base concreta su cui aprire il confronto con le istituzioni nazionali e regionali chiamate a partecipare al dibattito. Saranno infatti presenti Antonio Catricalà, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Vasco Errani, presidente della Regione Emilia-Romagna e Commissario straordinario per la ricostruzione, e Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria. Sarà l’occasione per fare il punto sulle problematiche che le imprese e i cittadini del "cratere" hanno dovuto affrontare, per trovare soluzioni alle questioni non ancora risolte e indicare il percorso da seguire nel prossimo futuro per la ricostruzione. Altrettanto significative saranno le testimonianze degli imprenditori colpiti dal sisma. A parlare della situazione della Bellco sarà il presidente della società Antonio Leone, cui seguiranno gli interventi di Gian Marco Budri, amministratore delegato dell’omonima azienda, e Claudio Venturelli, consigliere delegato di Fonderia Scacchetti.I lavori avranno inizio con l’introduzione del presidente di Confindustria Modena Pietro Ferrari e del presidente dei Giovani Imprenditori Elena Salda. Prenderà poi la parola Renato Mannheimer, presidente di Ispo, che presenterà l’indagine "Le imprese dopo il sisma". Dopo l’intervento degli imprenditori, prenderà il via la tavola rotonda tra Catricalà, Errani e Squinzi, moderata dal direttore del "Sole 24Ore" Roberto Napoletano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet