Confindustria e Bper, 30 milioni per la competitività


MODENA, 1 MAR. 2013 – Dopo i risultati positivi ottenuti lo scorso anno, Confindustria Modena e Banca popolare dell’Emilia Romagna hanno deciso di rinnovare un accordo di collaborazione per il sostegno alle imprese sul fronte dell’accesso al credito. Fino al 31 dicembre 2014 verrà messo a disposizione di tutti gli associati un plafond di 30 milioni di euro per la ricapitalizzazione aziendale, nuovi investimenti e progetti di internazionalizzazione.Le operazioni previste spaziano dal rafforzamento patrimoniale dell’azienda, al sostegno degli investimenti, dai mutui con fondi BEI, ai progetti di internazionalizzaznione con garanzia Sace, a operazioni di leasing immobiliare e strumentale. Alle imprese verranno offerti anche i nuovi prodotti destinati a sostenerne il fabbisogno finanziario nella fase di avvio della realizzazione di una commessa acuidsita da un committente estero. "L’accordo – afferma il presidente di Confindustria Modena Pietro Ferrari – permette alle imprese associate di utilizzare un insieme di prodotti e strumenti finanziari che rispondono a una visione organica delle esigenze di svilupoo delle imprese e va nella direzione di un ulteriore miglioramento del rapporto tra banca e impresa. Inoltre, vengono messi a disposizione fondi BEI a tassi particolarmente vantaggiosi per l’erogazione di mutui alle imprese danneggiate dal sisma".Soddisfazione è stata espressa anche da Giuliano Grandi, responsabile corporate di Area Modena di Bper: "Il rinnovo dell’accordo è l’ulteriore conferma di una solida collaborazione con gli industriali modenesi che è ormai nella storia della nostra Banca e ribadisce la centralità delle relazioni con il tessuto imprenditoriale di questo territorio. Abbiamo migliorato i contentuti dell’accordo per poter lavorare ancora di più e ancora meglio al fianco delle imprese e supportarle nei processi di una ripresa che ci auguriamo possa rilanciare la nostra economia".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet