Confesercenti: “Pesante calo degli utili”


A fronte di un calo dei ricavi complessivo pari al 3,4% si assiste ad un tracollo dell’utile medio che si abbassa del 10,1% rispetto all’anno precedente. “Gli imprenditori commerciali, col perdurare della crisi economica, per cercare di contenere la perdita di fatturato hanno dovuto praticare politiche di prezzo estremamente concorrenziali, andando però ad incidere pesantemente sulla redditività, nonostante gli sforzi compiuti per la necessaria razionalizzazione dei costi di gestione. Il timore per la tenuta delle imprese è molto forte vista anche la dinamica dei ricavi nell’anno 2013 che nei primi 9 mesi sta seguendo un trend decisamente peggiorativo”. Le imprese del settore dei pubblici esercizi contraggono l’utile medio di 3,5% sul 2011: gli imprenditori di bar e ristorazione hanno dovuto operare pesantemente sulla loro organizzazione aziendale per ridurre per quanto possibile i costi ed ottenere quindi un risultato che seppur negativo consente di contenere la perdita di redditività a fronte di un calo dei ricavi ben più rilevante (-6,1%). Diminuiscono in questo settore gli investimenti, in particolare quelli relativi alla riqualificazione dei locali, elemento essenziale per innovare l’offerta, con un taglio pari al -42,2%.
Per quanto riguarda le aree, segnano una diminuzione della redditività più contenuta le imprese del distretto ceramico (-2,5%) e dell’area di Vignola e Terre dei Castelli (-3,7%), soffrono maggiormente l’area di Carpi (-10,1%) e quella del Frignano (-12,2%). Il capoluogo vede il calo più marcato pari al -15% dell’utile medio delle imprese. Causa della evidente competizione sui prezzi, generata da una rete commerciale più che ridondante, che contrae la redditività delle imprese. Non sono state comprese nel campione le imprese dell’Area Nord pesantemente colpita dal sisma. Si può concludere quindi che le imprese nell’anno 2012 hanno messo in campo ogni strategia possibile per rimanere sul mercato. Strategie caratterizzate da politiche di prezzo marcatamente competitive e da una fortissima attenzione ai costi pur non rinunciando quando possibile ad investire in innovazione. Nonostante ciò il dato che emerge è quello di un grave assottigliamento degli utili pari ad una media del 10,1% ed un numero crescente di imprese costrette a chiudere i bilanci in perdita che nel 2012 raggiunge il 15% del totale rispetto al 7,2% del 2011.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet