Confesercenti: “Danni ingenti al 70% delle PMI”


MODENA, 24 MAG. 2012 – Da Confesercenti Area Nord arriva un primo e poco confortante bilancio sulla tenuta post terremoto delle piccole e piccolissime imprese del commercio, del turismo, dell’artigianato e dei servizi. Nel 70% dei casi i danni sono tali da non consentire la ripresa dell’attività. A Finale e San Felice addirittura il 90% degli esercizi commerciali è stato gravemente colpito sia nelle strutture che nelle attrezzature, mentre i danni alla merce si stimano nell’ordine di qualche milione di euro. E in periferia è a rischio inagibilità un’impresa su due. A Mirandola invece il peggio sta nel centro storico, con il 60% delle attività danneggiate. A Cavezzo sono una ventina, tutte a ridosso della via principale. Mentre nei comuni di Medolla, Concordia e San Possidonio, al di là dei danni, sono pochissimi i negozi e le piccole imprese che hanno dovuto sospendere l’attività.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet