Confcooperative Bologna contro il Comune e la risoluzione pro-Cgil


BOLOGNA, 25 MAR. 2009 – Un odg "deplorevole e da condannare", segno di "una vera e propria entrata a gamba tesa" da parte del Comune. Così Confcooperative di Bologna ha commentato il documento approvato dal Consiglio comunale, che ha condiviso le scelte di fondo della manifestazione nazionale indetta dalla Cgil il 4 aprile."Una vera e propria entrata a gamba tesa – si legge in una nota di Confcooperative – inaudita per un organo istituzionale che dovrebbe rappresentare tutta la città, in una materia oggetto dell’accordo fra le parti sociali". Confcooperative ha poi ricordato di aver firmato con il Governo e con la maggior parte delle associazioni di rappresentanza imprenditoriale e sindacale, "un accordo che ha recepito in larga misura il documento comune al quale aveva operosamente collaborato. Per uscire dalla crisi occorre lavorare e assumersi delle responsabilità, non starsene con le mani in mano o dire semplicemente dei no", conclude la nota.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet