Confagricoltura: a Bologna rilevazione prezzi grano duro


Confagricoltura Bologna chiede che l’Ager-Borsa Merci di Bologna sia sede della Cun-Commissione per la rilevazione dei prezzi del grano duro dell’Area Centro-Nord Italia: “è il riferimento mercantile di chi opera in Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche nonché nelle regioni del Nord e la principale Borsa Merci italiana utilizzata dalla Direzione Generale Agricoltura dell’Ue per l’aggiornamento settimanale delle quotazioni nelle diverse piazze comunitarie”. A dirlo è stato il presidente Gianni Tosi in una nota, sottolineando che il decreto Cun in approvazione prevede l’istituzione di “una o più sedi a livello nazionale”. L’Associazione Granaria dell’Emilia-Romagna (Ager-Borsa Merci di Bologna) conta oltre 500 operatori iscritti, tra produttori, stoccatori, commercianti e industriali del settore molitorio, pastario, mangimistico e oleario. Al centro anche gli accordi di filiera con Barilla. Per la campagna cerealicola 2015-2016 la Regione ha chiuso un accordo per la fornitura di 120mila tonnellate di grano duro alta qualità al pastificio di Parma, interessando una superficie di circa 20mila ettari.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet