Concordato con riserva per la Piacentini


Terremoto nel mondo delle costruzioni modenesi: dichiarato il concordato con riserva per l’azienda “Piacentini Costruzioni” con sedi a Palagano e Montale Rangone. Una realtà storica per il tessuto imprenditoriale modenese, attiva dal 1949, il cui presidente Dino Piacentini ha rivestito a lungo anche l’incarico i presidente Apmi di Modena. La riserva con cui il giudice delegato del Tribunale ha dichiarato il concordato è legata alla presentazione dell’accordo di ristrutturazione del debito con le banche. La società, che nel 2017 ha fatturato 88 milioni, è attualmente impegnata in lavori del controvalore di 180 milioni e in altri, in forma consortile, per quasi 500 milioni, con clienti primari fra i quali Anas ed Eni. Esistono tre istanze di fallimento pendenti e Piacentini Costruzioni deve ottenere un’adeguata ristrutturazione dei debiti con le banche. Il Gruppo controlla altre società, con sedi in tutto il mondo. Molti i grandi lavori in cui l’azienda è stata impegnata, dal Mose di Venezia al cantiere dell’alta velocità Lione-Torino tramite il Consorzio Coseam. L’azienda era ed è attiva anche nella realizzazione di opere pubbliche nel modenese. Commissario è stato nominato Augusto Castelfranco.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet