Con la cultura si vive meglio. E si fa girare l’economia


6 GIU. 2011 – Non di solo pane vive l’uomo. Di essenziale per la sua esistenza c’è la cultura. Eppure proprio sul settore del cinema, teatro, musica e arte si è abbattuta la mannaia del governo, con tagli che eliminano migliaia di posti di lavoro e privano gli spettatori della visione di film, spettacoli teatrali, mostre ecc. Per sensibilizzare sul rischio desolazione che una tale cancellazione di attività può portare, è stata lanciata la campagna di comunicazione "Cultura cibo per l’anima". Dodici spot realizzati da altrettanti videomaker che insieme formano l’associazione Documentaristi Emilia-Romagna. Una dozzina di cortometraggi presto visibili nelle sale dei cinema della regione e che sono destinati a crescere di numero. L’invito a realizzare spot è infatti rivolto a chiunque abbia a cuore la difesa della cultura. (Tutte le istruzioni per aderire sono sul sito culturaciboperlanima.it)L’iniziativa è promossa dalla Regione. L’obiettivo principale è fare arrivare un messaggio che sa di scontato ma che vale la pena ripetere ennesime volte: una volta soddisfatti i bisogni primari, alimentazione, casa e lavoro, è la cultura a far salire notevolmente la qualità della vita di una popolazione. E a crescere non è solo il benessere mentale, dello spirito. C’è anche l’economia di tutta la comunità. Come spiega l’assessore regionale alla Cultura Massimo Mezzetti: "negli ultimi dieci anni il turismo culturale in regione è passato dall’11% al 33%. Da quando sono state create le città d’arte è cresciuto di 600 volte".Non solo un discorso di anima, dunque. Da difendere c’è un "bene materiale", ha detto Mezzetti, annunciando la promozione di una legge in grado di defiscalizzare gli investimenti privati nella cultura. Perché da demolire è proprio il becero detto ‘con la cultura non si mangia’. Gli indici di ritorno dei soldi pubblici spesi nel settore, ha sottolineato l’assessore, sono di tre euro per ogni euro investito. "E questa è la stima più pessimista".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet