Con l’Emilia-Romagna un’idea vale un’impresa


BOLOGNA, 14 APR. 2011 – Coltivare le idee imprenditoriali di potenziali nuovi talenti. Questo l’intento di Spinner, il programma della Regione pronto a stanziare per i prossimi tre anni 15 milioni di euro per far nascere nuove aziende ad alto contenuto tecnologico e innovativo. Il nome deriva dall’inglese to spin, che vuol dire, tra i tanti significati, far girare. Poi segue la desinenza er che sta per le iniziali di Emilia-Romagna. Ad oggi a essere messe in moto sono state già 110 imprese, mentre altre 40 sono in fase di costituzione."Il programma – ha spiegato il presidente di Spinner Paolo Bonaretti – si rivolge a ricercatori e neolaureati e alle loro idee. Quelle che vengono valutate interessanti ricevono un massimo di due borse di studio per approfondire la ricerca: parallelamente Spinner mette a disposizione assistenza, tutoraggio e consulenze su proprietà intellettuale, finanza, definizione di un business plan e tutto quello che serve per trasformare un’idea in un’impresa. Quasi il 40% dei business plan diventano imprese: per gli altri c’é comunque un patrimonio di formazione che è fondamentale per trovare un lavoro nelle imprese".L’efficienza del progetto è dimostrato dai numeri: dal 2000, 12mila persone sono state coinvolte nel progetto, oltre 4mila sono state le richieste di agevolazioni e servizi presentate, 2.300 le domande ammesse alle agevolazioni, di cui 305 progetti d’impresa che hanno coinvolto 1.365 persone. Dal 2000, su 298 progetti ammessi, sono nate 110 imprese e 40 stanno nascendo. L’80% dopo tre anni è sopravvissuta, il fatturato è cresciuto del 32% e il 25% hanno presentato brevetti. Il gettito fiscale che hanno prodotto ha ripagato l’investimento."Spinner – ha commentato Patrizio Bianchi, assessore regionale alla Formazione – non dà premi alle idee, ma le mette in condizione di diventare imprese. Per il prossimo triennio la Regione ha confermato gli investimenti, destinando al progetto una parte consistente dei finanziamenti del fondo sociale europeo".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet