Comuni e province: tutti i risultati dell’Emilia-Romagna


BOLOGNA, 22 GIU 2009 – Il centrosinistra ha ottenuto un buon risultato nei ballottaggi in Emilia-Romagna, dove – oltre al pieno successo di Flavio Delbono a Bologna – si conferma alle Province di Parma, Ferrara e Rimini e nei Comuni di Ferrara e Forlì. Passano al centrodestra Sassuolo (Modena) e Fidenza (Parma), confermato al centrodestra Bondeno (Ferrara), mentre rimangono al centrosinistra gli altri comuni dove è stato necessario ricorrere al secondo turno: Zola Predosa (Bologna), Vignola e Mirandola (Modena), Cattolica (Rimini).PARMA – Con il 60,78% dei voti Vincenzo Bernazzoli, 53 anni (Pd-Idv-Sinistra e Libertà-Comunisti italiani) è stato confermato presidente della Provincia (che guida dal 2003 dopo la scomparsa di Andrea Borri), battendo Giampaolo Lavagetto (Pdl-Lega), che si è fermato al 39,22%. Passa di misura al centrodestra, dopo essere sempre stato amministrato dal centrosinistra, il Comune di Fidenza con Mario Cantini, 56 anni, direttore amministrativo dell’ospedale di Vaio (Pdl-Lega-Udc e una lista civica): ha avuto il 50,64% dei voti contro il 49,36% di Enrico Montanari. In voti, una distanza di 177 preferenze.FERRARA – Volti nuovi del centrosinistra in Comune e in Provincia. Nuovo sindaco è Tiziano Tagliani, che ha avuto il 56,8% dei voti, contro il 43,2% di Giorgio Dragotto, presidente del gruppo Fi-Pdl in Regione; Tagliani, 50 anni, avvocato di professione, è stato vicesindaco della città estense ed è consigliere regionale. Nuovo presidente della Provincia è Marcella Zappaterra, 36 anni, segretaria provinciale del Pd ferrarese, che aveva sfiorato la vittoria già al primo turno (49,8%) e che oggi ha ottenuto il 57,6%, contro il 42,4% di Mauro Malaguti. L’Udc si era apparentato con il centrodestra sia in Comune che in Provincia. A Bondeno, vittoria del centrodestra con Alan Fabbri (56,7%) su Patrizia Micai (43,3%).MODENA – Il centrosinistra perde Sassuolo, ma si aggiudica Mirandola e Vignola. A Sassuolo è ‘storica’ l’elezione di Luca Caselli, che con il 50,34% ha sconfitto il primo cittadino uscente Graziano Pattuzzi; 140 i voti in più a favore che hanno decretato il successo di Caselli, candidato di Pdl, Lega Nord, Lista civica Per Sassuolo e Partito dei Pensionati. Trentasei anni, avvocato libero professionista, Caselli proviene da An, dove ha avuto incarichi regionali e nazionali. A Mirandola Maino Benatti ha battuto Lorenzo Bergamini (Pdl-Lega), aggiudicandosi il 54% dei voti. Benatti, che succede a Luigi Costi, era sostenuto da Pd, Idv, Sinistra per Mirandola, Comunisti Italiani, Lista civica Mirandola nel cuore e Lista civica Il Centro Democratico. A Vignola nuovo sindaco è Daria Denti con il 52,47%: ha sconfitto Graziano Fiorini, che ha raccolto il 47,52% sostenuto da Pdl, Lega Nord e Lista Vignola per tutti.BOLOGNA – Oltre alla netta vittoria di Flavio Delbono nel capoluogo (60,7%), ballottaggio anche a Zola Predosa, comune dell’ hinterland, dove in una ‘battaglia’ intestina a sinistra Stefano Fiorini (sostenuto da Pd-Lista civica alleanza dei riformisti-Idv-PdCi) ha battuto di misura, con il 51%, il sindaco uscente ex Pd Giancarlo Borsari (Lista civica Borsari sindaco-Noi per Zola-Prc-Verdi- Lista civica Beppegrillo.it).FORLI’ – Il nuovo sindaco è Roberto Balzani (55%), sostenuto da Pd, Idv, Prc, Sinistra per Forlì, lista civica Nuova Romagna per Balzani, lista civica Apriti Forlì, Verdi. Preside da poco meno di un anno della Facoltà di Conservazione dei Beni culturali con sede a Ravenna, 47 anni, Balzani riuscì nelle primarie del Pd forlivese ad imporsi a sorpresa sul sindaco uscente Nadia Masini, che intendeva ricandidarsi. Lo sfidante Alessandro Rondoni, giornalista, sostenuto da Pdl, Lega, Udc e Pri, ha avuto il 44,9%.RIMINI – Terzo presidente della Provincia istituita nel ’95, Stefano Vitali ha avuto il 53,59% dei voti (in vista del ballottaggio ha ottenuto l’ apparentamento con l’Udc): ex Margherita di estrazione cattolica, è stato fino a poche settimane fa assessore ai Servizi sociali del Comune di Rimini e uno dei più stretti collaboratori di don Oreste Benzi, fondatore dell’associazione Papa Giovanni XXIII. Ha 41 anni, una moglie e sette figli. Ha battuto Marco Lombardi (46,4%), consigliere regionale Fi-Pdl, che corse già nel ’95 per la poltrona di presidente della Provincia e fu sconfitto da Ermanno Vichi. Al Comune di Cattolica, Marco Tamanti (Pd-Lista civica una citta’ in Comune) ha ottenuto il 51,84%, contro il 48,15% di Cono Cimino (Pdl- Lega-Lista civica Tocca a noi).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet