Commercio e artigianato, appuntamento il 18 a Roma


Le imprese emiliano romagnole si mobilitano. Stanche di vedersi “rubare” il futuro, di lavorare in condizioni di continua incertezza, strozzate da una fiscalità intollerabile, inascoltate dalla classe politica, esasperate di sentirsi raccontare che la crisi è ormai finita, le piccole e medie imprese della nostra regione associate a Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti parteciperanno alla manifestazione nazionale “Senza imprese non c’è Italia. Riprendiamoci il futuro”, organizzata da Rete Imprese Italia, per il 18 febbraio, a Roma. Tra loro, anche gli imprenditori delle aree emiliano-romagnole colpite prima dal terremoto, poi dall’alluvione.

Sono diverse migliaia i commercianti e gli artigiani dell’Emilia Romagna che, con pullman e treni, si mobiliteranno per raggiungere Roma, dove si svolgerà la manifestazione. Parteciperanno per far sentire la loro voce, per chiedere azioni immediate, per affrontare una situazione che è diventata ormai insostenibile.

Nella classifica della Banca Mondiale sulla facilità di fare impresa, l’Italia è al venticinquesimo posto tra i 28 paesi dell’Unione Europea: per i soli adempimenti fiscali sono necessarie 269 ore l’anno per un totale di 34 giorni lavorativi: 13 giorni in più rispetto alla media europea, 10 rispetto alla media dei paesi Ocse; il livello di imposizione fiscale sui profitti d’impresa nel 2013 è stato del 65,8%, oltre 20 punti sopra la media europea. La conseguenza è che nei primi 9 mesi del 2013 complessivamente hanno chiuso i battenti 277mila attività, e il 40% delle nuove imprese non supera il quarto anno di vita. Tutto ciò non è più ammissibile.

Quello delle piccole e medie imprese – ricordano Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti della regione – è il tessuto produttivo più esteso del nostro Paese e ha, da sempre, contribuito alla ricchezza e allo sviluppo dell’Italia. Rappresenta in Europa un caso unico per la sua diffusione e solidità, a cui si unisce l’elevata qualità dell’offerta. Per questo motivo è tanto importante salvaguardare questo patrimonio, la cui tenuta è determinante per il futuro dell’intera economia. La manifestazione del 18 febbraio sarà inoltre l’occasione per presentare un manifesto contenente proposte concrete per un reale cambiamento economico e sociale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet