Comex, un’intesa riduceil ricorso alla mobilità


BOLOGNA, 18 DIC. 2012 – Sottoscritto al Tavolo di Salvaguardia della Provincia di Bologna un accordo quadro per la Comex di Medicina, produttrice di ingranaggi per il mercato delle moto e dei trattori e trasmissioni meccaniche per il mercato delle minivetture che, a fine settembre, aveva aperto una procedura di mobilità dichiarando 60 esuberi su 120 lavoratori. Lo si legge in una nota della stessa Provincia, secondo cui l’azienda si impegna a dare continuità all’attività sul territorio e a ridurre a 20 unità il numero dei lavoratori da collocare in mobilità volontaria. Inoltre, prosegue la nota, le parti hanno concordato che, al termine della procedura di mobilità, saranno utilizzati gli ammortizzatori sociali conservativi a partire dal contratto di solidarietà. "Sono molto soddisfatto dei risultati raggiunti – ha osservato l’assessore provinciale alle Attività produttive, Graziano Prantoni -: adesso bisogna concentrare le forze per rilanciare l’attività, perché il nostro territorio non può permettersi di perdere queste eccellenze".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet