Cola Coop, e sai cosa bevi. Davvero


13 LUG 2009 – Una Cola diversa. Una bevanda gasata, con le mitiche bollicine, dolce, altrettanto colorata, ma con delle differenze a farne una bibita diversa e… accattivante. Amata dai grandi e dai piccoli, la Cola è una bevanda mito, affascinante e intrigante da troppi punti di vista perché Coop non pensasse a un prodotto con le proprie inconfondibili scelte e caratteristiche.E’ nata così una Cola con il marcho Coop. Ed è senza coloranti, ecco la prima scelta distintiva, il colore ambrato intenso è dato dall’estratto al malto, ottenuto dalla lavorazione dell’orzo. L’estratto di malto ha un duplice effetto: contribuisce al gusto complessivo, assieme alle sostanze aromatizzanti e permette di ottenere una bevanda di colore molto scuro, tipico ormai della Cola. L’estratto di malto è un ingrediente naturale un po’ diverso dal caramello normalmente utilizzato. Il "solfato ammonio caramello" o E150d utilizzato nelle produzioni di cole sul mercato è infatti ottenuto attraverso un processo chimico.L’altra scelta caratteristica, sempre al naturale, è per gli estratti di frutta e verdura, li trovate citati tra gli ingredienti, tra i più importanti la mela, la carota e l’ibiscus, sono il segreto della ricetta assieme al malto e agli aromi, il segreto del gusto della Cola Coop.All’interno degli aromi è ovviamente contenuto anche l’estratto della noce di cola, indispensabile per poter dare la denominazione alla bevanda. Le tabelle nutrizionali ricordano che bere Cola porta un apporto calorico da tenere in conto e concorre alla dieta giornaliera con una presenza di zuccheri da considerare con cura. Anche per Cola Coop ci sono poi diverse possibilità di scelta: normale, senza zucchero e senza caffeina.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet